Edentulia-cause-rimedi
Edentulia, cause e rimedi
04/10/2022
Principali-problemi-dentali-dei-bambini
Guida ai principali problemi dentali dei bambini
20/01/2023
Edentulia-cause-rimedi
Edentulia, cause e rimedi
04/10/2022
Principali-problemi-dentali-dei-bambini
Guida ai principali problemi dentali dei bambini
20/01/2023
Alimentazione e salute dei denti Studio dentistico Zara

Il rapporto tra denti e salute del nostro organismo è molto stretto. Ormai è risaputo quanto una buona salute dentale sia strettamente legata anche ad una sana alimentazione. Ippocrate, padre della medicina, diceva: “Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”.

Un’alimentazione non equilibrata può facilmente favorire l’insorgere di varie patologie della bocca, più o meno gravi, alcune delle quali, se non curate per tempo, possono portare anche alla perdita dei denti.

Le malattie dei denti

Le più comuni malattie che colpiscono i denti possono essere causate da vari fattori, ma sicuramente l’alimentazione e l’igiene orale giocano un ruolo fondamentale.

Pensiamo, ad esempio, alla carie, alla pulpite, o anche alla parodontite.

Sono malattie che colpiscono direttamente il dente (carie), oppure si insinuano sino alla polpa (pulpite), o colpiscono le gengive (gengivite e parodontite).

Come detto, l’igiene orale è imprescindibile, sia quella svolta quotidianamente tra le mura di casa, sia quella professionale, effettuata periodicamente presso il proprio dentista di fiducia.

Ma anche le proprie abitudini alimentari e la tipologia di cibo che introduciamo nella bocca inficiano notevolmente sulle probabilità di contrarre o meno una malattia del cavo orale.

Conosciamo il cibo

Gli alimenti non sono tutti uguali: è importante conoscere ciò che mangiamo, per curare la nostra alimentazione. Anche questa è prevenzione!

Dal punto di vista odontoiatrico possiamo suddividere i cibi in:

  • Cibi cariogeni: cibi che aumentano il rischio di carie (zuccheri, cereali raffinati, frutta zuccherina, bevande gasate, succhi di frutta confezionati, dolciumi, caramelle…);
  • Cibi cariostatici: non hanno effetto diretto sulle carie (carne e pesce, grassi e quasi tutte le verdure…);
  • Cibi anticariogeni: sono quelli da preferire, in quanto diminuiscono il rischio d’insorgenza della carie (frutta fresca non troppo zuccherina e acida, alcuni tipi di frutta secca, verdure, acqua e latte e formaggi stagionati…).

I cibi che fanno male ai denti

Quali sono allora i cibi nemici dei denti?

Ogni giorno mettiamo in tavola, senza volerlo, alimenti che mettono a dura prova la salute dei nostri denti e che dovrebbero essere assunti con moderazione, soprattutto se si ha una particolare predisposizione per determinare patologie orali (e già, c’è chi è geneticamente più incline e chi meno).

Cibi e bevande - salute dei denti
Cibi e bevande: cosa fa male ai denti?

Partiamo da un presupposto: non è il caso di fare gli estremisti. Non bisogna evitare completamente alcuni alimenti (a meno di determinate indicazioni mediche), è sufficiente usare il buon senso, avere un certo equilibrio, aiutandosi sempre da una corretta igiene orale.

Tuttavia è essenziale essere coscienti che alcuni cibi sono più inclini generare problemi ai denti e al cavo orale più di altri. Quindi in alcuni casi andrebbero evitati per quanto si riesca, o quanto meno limitati.

Vediamone alcuni:

  • Caramelle e lecca lecca: hanno una gran quantità di zuccheri, e i batteri che causano la carie ne vanno estremamente ghiotti. Quindi occhio, soprattutto con i bambini, ricordandosi che la salute dei dentini da latte condizionerà quella dei futuri denti permanenti.
  • Agrumi: fanno tanto bene al nostro organismo, ma sono anche molto acidi e un loro abuso può danneggiare, tramite lenta erosione, lo smalto dei denti.
  • Frutta disidratata, caramelle gommose, uvetta passa, albicocche: si attaccano allo smalto e anche loro sono ricchi di zuccheri.
  • Pane e pasta: la loro assunzione va fatta in modo equilibrato, il quanto hanno un alto contenuto di carboidrati, che favorisce lo sviluppo di processi dannosi per lo smalto dentale.
  • Bevande gassate: sarebbero semplicemente da evitare! Non hanno alcun tipo di valore nutrizionale e sono ricchissime di zuccheri (anche quelle che vengono spacciate come zero zuccheri).
  • Dolci e creme spalmabili: anche qui gli zuccheri la fanno da padrone, poi sono alimenti che si attaccano ai denti, favorendone ancor di più l’assorbimento.

Cibi che fanno bene ai denti

Vediamo quali sono gli alimenti salva sorriso:

  • Acqua e tisane senza zucchero: rimuovono i residui e contrastano l’acidità.
  • Frutta secca a guscio: mandorle, noci e anacardi, grazie alle loro proprietà nutritive, sono dei validi alleati per la salute dei denti.
  • Frutta fresca non zuccherina e non molto acida, come pere e mele con la buccia.
  • Kiwi e agrumi: contengono vitamina C e aiutano a prevenire le infiammazioni gengivali.
  • Frutti di bosco: contengono principi attivi utili contro i batteri nocivi.
  • Verdure fibrose crude: carote, sedano, finocchi, lattuga.
  • Legumi: contengono ferro e magnesio che preservano la salute delle gengive.
  • Latte e derivati: proteine, calcio, probiotici e fosforo, validi alleati nella salute dentale.
  • Pesce: ad alto contenuto di vitamina D che facilita l’assorbimento di calcio e fosforo, oltre all’Omega 3, importantissimo per l’organismo (particolarmente diffuso in acciughe, aringhe, tonno e salmone).
  • Radice di liquirizia: al naturale è un alleato contro la carie.
  • Tè verde: è ricco di polifenoli che contribuiscono a contrastare la placca dentale. Alcuni thè sono anche ricchi di fluoro, importantissimo per la mineralizzazione dei denti (attenzione, però, il thè favorisce le macchie sui denti).
  • Cioccolato fondente: grazie all’assenza di zuccheri svolge un’importante azione antibatterica.
  • Vino rosso: deriva dall’uva, ricca di polifenoli, che contrastano l’adesione batterica sui tessuti gengivali, ristabilendo una microflora naturale, (resiste in maniera naturale alla carie).
  • Uova: fonte naturale di selenio e vitamina D, rafforzano la salute di ossa e denti.
  • Aglio e cipolla: sono degli ottimi antibatterici naturali.
Cibi che fanno bene ai denti
Quali cibi fanno bene ai denti?

Gli alleati della salute orale

Quali sono i nutrienti importanti per una bocca in salute?

  • Calcio: elemento di cui sono formati principalmente i nostri denti, presente nel latte e nei suoi derivati, in legumi, verdure a foglia verde, ecc.
  • Fluoro: importantissimo per la mineralizzazione dello smalto dei denti, presente, come abbiamo visto, nel pesce, nei frutti di mare, nelle patate, nei cereali e negli spinaci.
  • Fosforo: importante per il benessere di denti e ossa, si trova nei semi oleosi, frutta secca, legumi, pesce e uova.
  • Magnesio: una sua carenza è collegata alla presenza di sensibilità dentale, è contenuto nel cioccolato amaro, crusca, legumi, frutta secca.
  • Zinco: è impiegato nei prodotti per l’igiene orale, in quanto ha proprietà antibatteriche e deodoranti.

Anche le vitamine sono importanti per la salute della bocca:

  1. Vitamina A: influisce soprattutto sulla salute delle gengive (è un ottimo antinfiammatorio). È contenuta nella verdura e frutta di colore arancione, come le arance.
  2. Vitamine del gruppo B: sono utili, oltre che per la bocca, anche per altre aree del nostro organismo (cute, capelli, occhi fegato). Si trovano nel pesce, nei funghi, carne di maiale e altri alimenti di origine animale.
  3. Vitamina C: importantissima per il rafforzamento del sistema immunitario, rinforza e protegge le gengive. È contenuta notoriamente negli agrumi e nei kiwi.
  4. Vitamina D: è fondamentale per l’assorbimento del calcio, una sua carenza può indebolire il cavo orale, provocare infiammazioni alle mucose, secchezza della bocca e scarsa salivazione. Si trova nei pesci come merluzzo, tonno, salmone e sgombro.
Cibi che fanno male ai denti
Quali cibi fanno male ai denti?

Igiene orale e alimentazione

Abbiamo capito, quindi, quanto una dieta sana ed equilibrata sia alla base di una vita più in salute.

Bocca, lingua, denti e gengive, non servono soltanto ad assumere il cibo, ma partecipano attivamente al processo digestivo.

Ne consegue che a tutti questi elementi va fatta una bella manutenzione quotidiana, per mantenerli efficienti (oltre che belli da vedere).

Ecco perché l’igiene orale è fondamentale dopo ogni pasto.

Se dopo aver mangiato non si può pulire la bocca in maniera corretta, si può ricorrere ad un chewing senza zucchero: stimola la salivazione e aiuta, quindi, a rimuovere i residui di cibo (ma non va considerato, in nessun modo, un sostituto dello spazzolino).

Ma l’igiene orale fai-da-te non è sufficiente. Spazzolino e filo non riescono a rimuovere totalmente la placca e il tartaro, che sono un covo di batteri e germi che rimangono attaccati ai nostri denti e gengive.

Diventa importante sottoporsi a controlli periodici dal dentista, programmando ogni anno delle sedute d’igiene professionale, secondo le indicazioni del nostro dentista.

Alimentazione e igiene orale sono le nostre armi di prevenzione, per scongiurare più che possiamo i problemi e le patologie più comuni che interessano la nostra bocca.

Igiene orale dopo mangiato
L’importanza dell’igiene orale dopo mangiato

La visita di controllo periodica è
importante per la tua salute dentale


Per abilitare il tasto di Invio Messaggio è necessario prima accettare le condizioni d’uso.


    Studio Dentistico Zara
    Studio Dentistico Zara
    Studio Dentistico Zara è uno studio odontoiatrico a Sassari, con più di 30 anni di esperienza, specializzato in Implantologia, Ortodonzia invisibile, Odontoiatria pediatrica, Faccette dentali, Parodontologia, Protesi digitali, Sbiancamento professionale, Endodonzia.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *