fbpx
Parodontite: conosciamola-meglio - Studio Dentistico Zara
Parodontite: conosciamola meglio
07/02/2020
Faccette dentali vantaggi
Faccette dentali: cosa sono e quali sono i vantaggi
26/02/2020
Come lavarsi i denti nel modo giusto

La salute della bocca è molto importante e lavarsi i denti nel modo giusto è il primo passo per una corretta igiene orale.

Placca e tartaro, alito cattivo, gengiviti e parodontite, carie, sono tanti i nemici dei nostri denti se li trascuriamo.

Scopriamo allora come lavarsi i denti nel modo giusto e come difenderli dalle malattie della bocca.

Perché è importante lavarsi i denti?

La domanda sembra banale e scontata ed in effetti un po’ lo è, ma spesso sono proprio le cose più scontate a cui prestiamo meno attenzione. Lavarsi i denti è importante perché dobbiamo impedire che la nostra bocca si ammali.

Gli alimenti che ingeriamo giornalmente, chi più chi meno, causano la proliferazione di batteri che fanno facilmente ammalare i nostri denti e le gengive.

L’obiettivo è quello di neutralizzare questi batteri e mantenere sano il cavo orale.

Non è difficile cadere nell’errore di trascurare l’igiene orale quotidiana. A volte la fretta, a volte la superficialità, il posticipare alcune buone abitudini (quando pensiamo che tanto per una volta non succede nulla), ci portano a non dare la giusta importanza alla pulizia della bocca e spesso, quando ce ne accorgiamo, è troppo tardi, e il danno è fatto.

Quindi facciamo più attenzione a noi stessi, non trascuriamo quelle piccole grandi abitudini che alla fine sono importanti per la nostra salute.

Perché lavarsi i denti
Perché lavarsi i denti

Cosa usare per l’igiene orale

Sappiamo bene tutti che per lavarsi i denti servono spazzolino e dentifricio, ma, per avere un’igiene orale più profonda, esistono anche altri strumenti che danno man forte a quelli tradizionali.

Lo spazzolino

Il dilemma amletico dei giorni nostri è: meglio lo spazzolino manuale o quello elettrico?

Qui i pareri si dividono. Diversi studi mostrano che l’uso dello spazzolino elettrico garantisce una migliore pulizia dei denti, ma solo in una minima percentuale.

Quello che fa la differenza è sempre e comunque l’uso che se ne fa, il come viene utilizzato.

Se mi lavo i denti con lo stesso spazzolino per diversi mesi sicuramente non li sto pulendo bene, in quanto le setole tendono a consumarsi ed afflosciarsi rapidamente. È bene, infatti, cambiare lo spazzolino ogni due mesi, anche se si tratta di quello elettrico.

Attenzione anche alla scelta delle setole: setole troppo dure rischiano di danneggiare lo smalto dei denti ed irritare le gengive.

Spazzolino elettrico o manuale?
Spazzolino elettrico o spazzolino manuale?

Il dentifricio

Anche qui la scelta del dentifricio non è affatto facile. Ne esistono di tutti i tipi, tutti promettono risultati eclatanti e vi è un range di prezzo molto vario.

Come regolarsi allora?

Innanzi tutto dobbiamo sapere che esistono dei dentifrici molto specifici, tipo quelli per sbiancare i denti (e qui bisogna fare molta attenzione a non abusarne), quelli per i denti sensibili, quelli per prevenire e aiutare a curare la parodontite, quelli col fluoro e quelli senza fluoro.

Se non abbiamo esigenze particolari è bene scegliere un dentifricio che non aggredisca troppo il dente e che garantisca una normale pulizia, e qui il dentista vi può certamente consigliare al meglio.

Il collutorio

Il collutorio è un liquido che serve al risciacquo della bocca dopo essersi lavati i denti. La sua funzione è quella di combattere la placca e il tartaro, aggredendo i batteri nocivi nella bocca.

Il collutorio deve sempre essere di ausilio a spazzolino e dentifricio, non deve sostituirlo.

Anche qui il rischio è quello di utilizzare un collutorio troppo aggressivo, quindi è sempre bene non abusarne e, in caso di dubbio, chiedere consiglio al proprio dentista di fiducia.

Scovolino e filo interdentale
Scovolino e filo interdentale

Il filo interdentale

Il filo interdentale è uno dei migliori strumenti per combattere la placca, elimina quei residui di cibo che lo spazzolino non è riuscito ad eliminare tra un dente e l’altro, prevenendo la formazione della carie interdentale.

Utilizzare il filo interdentale dopo essersi lavati i denti, soprattutto la sera prima di andare a dormire, è forse una delle migliori abitudini che potresti prendere.

Lo scovolino

Anche lo scovolino è uno strumento molto utile per una migliore pulizia dei denti.

Si tratta di una spazzola minuscola che va ad agire nello spazio che c’è tra un dente e l’altro. Vi sono varie misure, a seconda dell’ampiezza dello spazio da pulire.

Il suo scopo è quello di eliminare la placca e il tartaro interstiziale in maniera più profonda, agendo laddove le setole del normale spazzolino non arrivano o comunque non hanno la forza giusta per rimuoverne la placca.Attenzione
Va comunque sottolineato che tutti questi strumenti servono certamente per una profonda pulizia quotidiana, ma non sostituiscono la pulizia dei denti professionale che va comunque fatta periodicamente dal dentista.
Sicuramente quanto più riusciamo a tenere la nostra bocca pulita, minori saranno le sedute annuali dal dentista e il nostro portafoglio ce ne sarà grato.Devi fare la pulizia dei denti? Prenota una visita

La tecnica giusta per lavarsi i denti

Ma esiste una tecnica giusta per lavarsi i denti? Quali movimenti bisogna fare? Per quanto tempo?

La risposta è sì, esiste il modo migliore per lavare i denti.

L’errore più comune è quello di spazzolare in orizzontale ed energicamente: questo movimento non pulisce adeguatamente i denti in quanto le setole dello spazzolino non riescono a penetrare tra un dente e l’altro per eliminare i residui di cibo.

Inoltre, una pressione troppo forte dello spazzolino rischia di consumare e rovinare lo smalto dentale.

Il modo migliore per pulire i denti è quello di dividere lo spazzolamento in quattro fasi, ciascuna di 30 sec circa:

  • Interno denti inferiore
  • Interno denti superiore
  • Esterno denti inferiore
  • Esterno denti superiore

La parte interna dei denti, linguale inferiore e palatale superiore, è la più difficile da pulire, per cui bisogna porre particolare attenzione.

Lo spazzolamento deve avvenire in verticale, dalla gengiva verso l’alto, una sorta di pennellata senza esercitare una pressione eccessiva, basta che le setole riescano ad entrare negli interstizi dei denti.

Non c’è nemmeno bisogno di esagerare con la quantità di dentifricio, ne basta giusto una pallina grande quanto un cece.

Quante volte al giorno bisogna lavarsi i denti?

Normalmente, per lavarsi i denti, bastano 3 volte al giorno, ma teniamo conto che già dopo 8 ore comincia a formarsi il tartaro.

Fondamentale è lavarsi accuratamente i denti la sera prima di andare a dormire, in quanto la minore produzione di saliva favorisce la formazione dei batteri.

Bisogna lavarsi i denti subito dopo mangiato?

Dipende un po’ da cosa si mangia.

Generalmente è bene aspettare circa 30 min. prima di lavarsi i denti perché, specie se abbiamo mangiato cibi acidi, con lo spazzolamento non facciamo altro che cospargere queste sostanze sugli altri denti, aumentando il rischio di danneggiarli.

Attenzione però agli zuccheri.
Se si mangiano caramelle, cioccolata, succhi di frutta o bibite gasate, è bene non attendere molto tempo prima di lavarsi i denti. I batteri che provocano la carie si cibano di glucosio: non vogliamo certo dargli troppo nutrimento, vero?

Specie coi dentini dei bambini, che sono facilmente attaccabili dai batteri, bisogna porre molta molta attenzione e lavarli appena possibile!

Lavarsi i denti dopo mangiato
Lavarsi i denti dopo mangiato

La giusta sequenza per lavarsi i denti

  1. Utilizzare il filo interdentale, gli scovolini e risciacquare
  2. Utilizzare spazzolino e dentifricio per 2/3 min. e risciacquare
  3. Pulire la lingua
  4. Utilizzare il collutorio

Siamo coscienti che fare queste operazioni per 3 o 4 volte al giorno è pura utopia, quindi il consiglio è di farlo almeno alla sera prima di andare a dormire, cercando comunque di essere il più regolari e attenti possibile nella propria igiene orale.

Con i bambini sono i genitori che devono eseguire la pulizia dei dentini, dall’inizio della dentizione, fino a quando non saranno perfettamente autonomi.

Per i più piccoli bisogna utilizzare uno spazzolino e un dentifricio adatti alla loro età, spazzolando dolcemente in verticale le arcate dalla parte esterna e interna.

Le visite di controllo da dentista non devono mancare. Non trascurare la salute dei tuoi denti, ne va del tuo sorriso!

Conclusioni

Lavarsi i denti è un atto di rispetto verso noi stessi e verso la nostra salute.

Nella società di oggi, nonostante si sappia ampiamente quanto sia importante l’igiene orale, è facile cadere nell’errore di trascurarla, distratti come siamo dai tanti impegni e dalla fretta cattiva consigliera.

Lo vediamo tutti i giorni nei nostri studi dentistici quali sono i risultati.

Invece basterebbe davvero poco per avere quelle buone abitudini quotidiane che possono davvero salvarci il sorriso, evitandoci pene e dolori, per non parlare del risparmio economico.

E in questa direzione il dentista è il tuo alleato, grazie alle visite di controllo e alla pulizia dei denti periodica.

Hai dubbi o domande da sottoporci? Contattaci e ti risponderemo

Per abilitare il tasto di Invio Messaggio è necessario prima accettare le condizioni d’uso.

Studio Dentistico Zara
Studio Dentistico Zara
Studio Dentistico Zara è uno studio odontoiatrico a Sassari, con più di 30 anni di esperienza, specializzato in Implantologia, Ortodonzia invisibile, Odontoiatria pediatrica, Faccette dentali, Parodontologia, Protesi digitali, Sbiancamento professionale, Endodonzia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiamaci