Faccette in Ceramica


Cosa sono
le Faccette in ceramica

Le faccette dentali, chiamate anche “faccette estetiche” o “veneers”, sono sottili placche in ceramica che vengono applicate sulla superficie esterna del dente per nascondere quei difetti legati alla forma, al colore o alla posizione dei denti, migliorando notevolmente l’aspetto estetico del sorriso.

Vengono anche utilizzate per la chiusura dei diastemi (spazi tra i denti), per allungare i denti usurati o erosi a causa del bruxismo (digrignamento dei denti), in associazione con gli intarsi (otturazioni indirette praticate quando la materia dentale sana è troppo poca) e per la ricostruzione dei denti spezzati.




Perché scegliere le faccette dentali: i vantaggi

I principali vantaggi della ceramica rispetto al composito sono :

  • la ceramica non si pigmenta con i coloranti quali caffè, vino, the, fumo, rossetto etc..
  • le proprietà meccaniche ed estetiche sono enormemente superiori
  • sono dei restauri più duraturi

Nuovo sorriso con le faccette dentali

Le faccette dentali si applicano con una particolare colla del tutto invisibile, che garantisce la massima adesione alla superficie del dente.
Il beneficio più immediato è sicuramente quello estetico, il ritrovarsi finalmente con un nuovo sorriso, sicuramente più armonico e naturale, un sorriso da non nascondere più.

Beneficio psicologico

Da non sottovalutare assolutamente anche gli effetti psicologici che derivano dal riacquisire la possibilità di sorridere liberamente senza più preoccuparsi del disagio dovuto alle vecchie imperfezioni.
Tutto questo porta ad un graduale e naturale miglioramento dell’autostima e ad avere maggiore sicurezza in sé stessi.

Ripristino delle funzionalità orali

Altro aspetto importante è il ripristino di quelle funzionalità orali che erano andate perse.
Denti storti, scheggiati, abrasi, erosi o consumati a causa, per esempio, del bruxismo, vengono risanati, o notevolmente migliorati, con l’applicazione delle faccette dentali.


Faccette in ceramica: le tipologie

Quando si parla di materiali per le faccette estetiche, ci sono due tipi di ceramiche adatte a queste indicazioni:

  • il disilicato di litio, una ceramica monolitica che ha una notevole resistenza meccanica e ottime proprietà estetiche;
  • la ceramica feldspatica, una ceramica stratificata con un estetica superiore ma con proprietà meccaniche inferiori.


Come si applicano faccette dentali

Il trattamento per l'applicazione delle faccette estetiche viene suddiviso in alcune sedute.

Solitamente nel primo appuntamento si fanno delle foto intraorali ed extraorali per studiare a fondo il caso anche in funzione dell’estetica facciale e si prendono due impronte per creare due modelli di studio nei quali l’odontotecnico farà una ceratura per simulare il caso finito.

Nella seconda seduta si procede ad una minima limatura del dente (con anestesia), vengono rilevate le impronte definitive e si posiziona una faccetta provvisoria per non lasciare il paziente con i denti limati. Questo ha il duplice vantaggio di salvaguardare l’estetica e proteggere denti dagli stimoli termici.

In terza seduta si provano le faccette definitive in ceramica, si controlla il colore ed eventualmente si corregge, e infine si cementano con la tecnica adesiva.

L'utilizzo delle faccette dentali (veeners) consente quindi di coniugare un risultato estetico brillante con un approccio estremamente conservativo nei confronti della preparazione del dente.
Infatti gli elementi da riabilitare vengono preparati sulla sola superficie vestibolare (superficie esterna del dente) e con spessori minimi ben inferiori rispetto a quelli richiesti per la preparazione completa di una corona.
La limatura del dente, necessaria per creare lo spazio che accoglierà le faccette, è minima e può variare dai 0,3 mm ai 0,8 mm, ma in alcuni casi il trattamento è possibile anche senza toccare i denti (additional veener).


  • Locci faccette post keynote

“Non aspettare di essere felice per sorridere.
Ma sorridi per essere felice

(Edward L. Krame)

Chiamaci