fbpx

Implantologia a carico immediato


L’implantologia a carico immediato è una tecnica che permette di impiantare denti fissi in 24 - 48 ore.

Viene utilizzata per riabilitare soprattutto intere arcate ed è una validissima alternativa alla tradizionale implantologia.

L’impianto a carico immediato viene consigliato soprattutto ai pazienti che hanno perso tutti i denti, che magari hanno già da tempo una dentiera mobile o che comunque hanno solo ancora pochissimi denti naturali ancora in sede: non è, quindi, adatta a tutti i pazienti e solo una prima vista in studio può verificarne l’adattabilità.

Le riabilitazioni dentali che vengono normalmente eseguite sono: Toronto bridge e All on four, con le sue varianti.



Impianto All-on-four

La tecnica “All on four” (tutto su quattro) è la soluzione più rapida per avere una dentiera fissa anche in presenza di poco osso.

Chi ha problemi di edentulia (mancanza di denti anche parziale), spesso ricorre alla dentiera mobile, che, però, comporta diversi disagi: non è come avere dei denti propri, bisogna avere molte accortezze nel trattarla e, soprattutto, col passare del tempo l’osso si riduce, portando la dentiera a diventare sempre più instabile e “ballerina”.

La soluzione innovativa è l’implantologia All on 4, che si avvale dei sistemi computer assistiti Cad cam, i quali permettono di realizzare impianti veramente su misura, perfettamente adattati alla bocca del paziente.

In poche ore è possibile installare le protesi sia sull’arcata mascellare superiore che su quella mandibolare inferiore, ancorata a soli quattro impianti dentali (dal numero degli impianti deriva il nome della tecnica).

Le protesi vengono fissate subito, senza dover attendere i classici 3-6 mesi richiesti dalle altre tecniche implantologiche, necessari all’osteointegrazione. L’implantologia All on four è possibile se il paziente:

  • ha almeno un’arcata superiore o inferiore priva di denti;
  • ha una forma grave di parodontite che richiede estrazione forzata dei denti;
  • ha un’ossatura dentale non adatta alle tradizionali protesi su impianto.

Sarà comunque il dentista, dopo un’attenta valutazione, a consigliare la soluzione migliore.


Vantaggi implantologia a carico immediato

Prima di questa rivoluzionaria tecnica erano necessari anche fino a 18 mesi per riabilitare un’arcata completa con innesti di osso, per far sì che gli impianti potessero reggere nel tempo.

Il metodo All on 4 è in grado di dare stabilità anche con un volume osseo minimo, evitando la lunga rigenerazione ossea e permettendo l’istallazione della protesi in un giorno.

Si tratta di una tecnica mini invasiva, dove le gengive non vengono incise e scollate, non ci sono punti di sutura, per cui sono quasi inesistenti i gonfiori, i lividi ed i dolori post operatori.


Toronto bridge

La protesi dentale Toronto brigde è così chiamata in quanto venne presentata per la prima volta in Canada, a Toronto, durante un convegno di odontoiatria.

Questa protesi viene ancorata agli impianti con la tecnica All on four ed è realizzata in modo che non sia visibile lo stacco tra la gengiva finta e quella naturale, il che la rende esteticamente molto vantaggiosa.

Si tratta di una protesi che si fissa in modo molto accurato, assicurando un maggior sostegno e un rischio di frattura molto basso.

Il Toronto bridge è, quindi, molto stabile, non rischia di venir via e consente di effettuare l’igiene orale con molta facilità, facendo recuperare al paziente una buona capacità masticatoria, molto vicina a quella di una dentatura naturale.

All on five - All on six

Si tratta di varianti della tecnica All on four a carico immediato, dove vengono utilizzati 5 e 6 impianti rispettivamente, dove le ultime due viti sono inclinate per rispettare l’anatomia delle zone posteriori della dentatura, sempre senza dover ricorrere a rigenerazione ossea.

Solitamente All on 4 viene eseguito soprattutto nella mandibola, in quanto l’osso è generalmente più compatto e resistente, mentre a livello mascellare si predilige la variante All on 6, in quanto l’osso risulta più spugnoso.

I materiali utilizzati in tutte le tipologie di impianto sono generalmente resina o ceramica, con il primo materiale che risulta economicamente più vantaggioso rispetto alla ceramica, che, però, ha una resistenza al tempo ben maggiore.


“Ogni sorriso ti rende più giovane di un giorno

(Proverbio cinese)

Chiamaci