fbpx
Malocclusione dentale - Studio dentistico Zara
Malocclusione dentale: cos’è e come trattarla
05/03/2021

Chi non ha avuto almeno una volta il mal di denti, alzi la mano: credo siano davvero pochi i fortunati.

Il mal di denti è sicuramente uno dei disturbi più frequenti e diffusi in ambito odontoiatrico e si presenta sotto diverse forme: dolore pulsante, dolore continuo, dolore acuto o semplicemente un dolore sopportabile, ma fastidioso; sicuramente non una bella esperienza per chi la prova.

Cerchiamo di capire in cosa consiste il mal di denti, quali possono essere le cause e come affrontarlo o curarlo.

Aiuto: mi fa male il dente!

Il dolore ad un dente non è altro che un campanello d’allarme che ci deve far capire che c’è qualcosa che non va nella nostra bocca.

Spesso il mal di denti viene preso sottogamba, ci si affida a qualche terapia farmacologica o ai famosi rimedi della nonna e non si va ad approfondire il perché abbiamo avuto quell’episodio doloroso.

Questo atteggiamento, il più delle volte, porta all’acutizzarsi della causa e ci si rivolge al dentista quando ormai è troppo tardi e quando il dolore diventa davvero insopportabile.

Cause del mal di denti

Partiamo dal presupposto che possono essere tantissime le cause che portano all’insorgere di un dolore ai denti (odontalgia).

Il mal di denti può avere una connotazione acuta, pulsante, oppure rivelarsi come un dolore più lieve, che si intensifica in risposta a stimoli termici e/o fisici.

Solo agendo sulla reale causa sarà possibile eliminare in modo definitivo il dolore.

Tipi di Mal di denti: scopriamo la causa

Scopriamo le possibili correlazioni tra le più frequenti tipologie di mal di denti e la loro causa.

Presenza di pulpite e/o carie

In caso di pulpite o carie il dolore ai denti assume solitamente una connotazione nevralgica, in quanto ci si trova in presenza di un dente infiammato.

Il dolore non è spesso fisso, ma risulta intermittente, con picchi molto acuti, quasi insopportabili, ma tutto dipende dallo stadio di pulpite e di quanto la carie si è insinuata nella parte viva del dente.

In questi casi è d’obbligo farsi visitare da un dentista, in quanto l’assunzione anche di FANS risulterebbe utile solo per poco tempo o addirittura vana nei casi più critici.

Mal di denti, gengivite e parodontite

Gengivite e mal di denti

In caso di gengive gonfie, irritate o infiammate, il dolore lo si percepisce in particolar modo al momento dello spazzolamento, o passando il filo interdentale.

Come si intuisce, non si tratta di un dolore particolarmente forte e invalidante, ma più un fastidio più o meno intenso.

Attenzione, però: la gengivite può nascondere problemi anche più seri, quindi non sottovalutare questa patologia e fatti visitare dal tuo dentista di fiducia il prima possibile.

Anche la parodontite, che è lo stadio successivo alla gengivite, provoca dolore e difficoltà durante la masticazione. Qui, però, la situazione è ben più seria: tartaro e batteri, uniti ad una superficiale igiene orale, hanno fatto un bel danno, che va seguito dal tuo dentista.

Cisti dentali e granuloma

Il mal di denti si presenta improvvisamente, anche se i denti appaiono in perfetta salute.

In realtà il dolore appare quando il disturbo è già ad uno stato avanzato.

I campanelli d’allarme, in questo caso, possono essere l’alito cattivo, le gengive o il labbro un po’ gonfi.

La visita dal dentista è fondamentale: sarà un esame radiologico a mettere in evidenza la presenza di una cisti o di un granuloma.

Dolore da ascesso dentale

L’ascesso dentale è un rigonfiamento ripieno di pus, derivante da un’infezione batterica.

In questi casi il dolore è molto forte, soprattutto in risposta a stimoli meccanici come la masticazione o la pressione della lingua sul dente.

Solitamente è un dolore continuo e grave che ostacola molto l’uso normale della bocca. Le gengive appaiono infiammate e può subentrare anche uno stato febbrile e un malessere generale.

Gli antidolorifici possono alleviare il dolore, ma il dente dev’essere opportunamente trattato, spesso con l’uso di antibiotici e trattamenti specifici, dal proprio dentista di fiducia.

Alveolite dentale

L’alveolite è un’infiammazione della cavità ossea (alveolo) in cui alloggiano le radici dei denti.

Questa patologia può subentrare 4/5 giorni dopo l’estrazione di un dente, causando dolore molto intenso, a volte accompagnato da febbre anche alta, alitosi, gengivite e odore cattivo sul sito dell’estrazione.

Bruxismo

Lo sfregamento o la forte pressione involontaria delle arcate dentali è uno delle più frequenti cause di mal di denti, o dolore nel cavo orale.

In questo caso la sensazione dolorosa non è solitamente concentrata in un punto particolare, ma è diffuso in tutta l’arcata dentale. In particolar modo questo dolore lo si percepisce la mattino, appena svegli, in quanto chi soffre di bruxismo, tende a serrare e digrignare i denti con forza durante il sonno.

bruxismo e mal di denti
Bruxismo e mal di denti

Dolore da trauma dentale

Un dente rotto o scheggiato in seguito ad una caduta accidentale, o ad altro trauma, può causa un forte mal di denti. In questi casi è sempre consigliabile farsi visitare dal proprio dentista di fiducia.

Dolore extra-dentale

Non sempre il mal di denti ha una causa che risiede in una patologia del cavo orale.

Infiammazione alle orecchie, nevralgia del trigemino, sinusite, angina pectoris, sono patologie che spesso si riflettono o esordiscono con un “inspiegabile” mal di denti.

Attenzione, quindi, alla sintomatologia del dolore dentale!

Rimedi per il mal di dente

Quando si presenta il mal di denti, specialmente se di forte intensità, non è certamente un’esperienza piacevole e il desiderio più grande è quello di trovare un rimedio per farlo passare o quanto meno diminuire, renderlo sopportabile.

Precisiamo che la prima cosa da fare è quella di contattare uno specialista, in quanto le cause sono quasi esclusivamente dovute a patologie dentali.

Vi sono poi quei rimedi che possono aiutare a resistere al dolore in attesa di essere ricevuti dal dentista.

Si passa dai consueti rimedi farmacologici, fino ad arrivare ai rimedi naturali o ai famosi rimedi della nonna.

Curare il mal di denti con i farmaci

I FANS, o antinfiammatori, sono sicuramente il primo rimedio che viene in mente quando si ha il mal di denti: ibuprofene, acido acetilsalicilico, naproxene, vengono in aiuto, ma solo per alleviare momentaneamente il dolore. Non sono curativi del mal di denti, in quanto, come abbiamo accennato prima, le cause sono per lo più delle specifiche patologie, che solo il dentista può affrontare e risolvere.

Tra i farmaci che subentrano nel mal di denti ci sono anche gli antibiotici. Rimarchiamo che solo un dentista o un medico possono prescrivere queste terapie specifiche, in quanto vanno somministrati solo in caso di infezione accertata.

È possibile anche utilizzare degli anestetici topici, come la Lidocaina o dei disinfettanti antibatterici come la Clorexidina, che solitamente viene somministrato sotto forma di collutorio, per fare dei risciacqui più volte al giorno.

Rimedi naturali

Chi vuole evitare l’uso dei farmaci può utilizzare i rimedi naturali per alleviare il dolore ai denti, in particolare estratti di piante ad azione antinfiammatoria, antibatterica e calmante.

Uno dei trattamenti più diffusi è l’utilizzo dell’olio essenziale di chiodi di garofano, associato a quello della menta o dell’anici stellato: si imbeve un batuffolino di cotone e si tiene poggiato sul dente indolenzito, per affievolirne il dolore.

Anche il gel di aloe vera o gli oli essenziali di malva o salvia hanno proprietà disinfettanti e antinfiammatorie.

Rimedi della nonna

In materia di mal di denti il rimedio della nonna più gettonato è quello con acqua e sale, cioè usare del sale da cucina diluito con cui fare risciacqui.

C’è chi usa acqua ossigenata al posto del sale, ma sconsigliamo queste pratiche, perché c’è un forte rischio di irritare gravemente le gengive.

Un metodo forse un po’ meno “pericoloso” è quello di alleviare il mal di denti con l’applicazione sulla guancia di un po’ di ghiaccio, avvolto in un panno morbido o nella sacca da ghiaccio.

Naturalmente questi sono dei metodi palliativi, non risolvono il problema ed è difficile che sortiscano effetti positivi e possono avere effetti deleteri sul cavo orale. Li raccontiamo solo per dovere di cronaca.

Rimedi della nonna per il mal di denti

Cosa fare in caso di forte mal di denti

Per capire come far passare il mal di denti bisogna innanzi tutto affidarsi ad uno specialista, per scoprirne la vera causa.

Nell’attesa è possibile prendere un antinfiammatorio, ma sempre cercando di consultarsi e di chiedere consiglio prima col proprio dentista o col medico di base.

L’igiene orale e l’uso del filo interdentale possono aiutare in alcuni casi meno critici, così come l’uso di collutori specifici a base di Clorexidina.

Come detto, il mal di denti è un campanello d’allarme che non va sottovalutato. Soprattutto nei casi di patologie di natura infettiva che possono portare a conseguenze anche molto gravi.

Evviva il dentista

La figura del dentista come specialista è fondamentale.

Spesso li dolore ai denti viene sottovalutato, banalizzato, non si presta la giusta attenzione verso i sintomi, non ci si ferma a comprendere cosa stia succedendo, troppo presi dai ritmi frenetici del quotidiano.

E allora si ricorre, erroneamente, alla medicina fai da te, non pensando quanto i farmaci utilizzati in maniera superficiale possano essere pericolosi per la salute, quanto il sottovalutare un mal di denti iniziale.

La prevenzione, ma anche la tempestività, possono risolvere situazioni che, al contrario, potrebbero pericolosamente progredire.

Eppure basterebbe poco: una telefonata, un appuntamento per una visita di controllo e, spesso, si riuscirebbe a curare in maniera semplice quello che, abbandonandosi al trascorrere del tempo, potrebbe divenire estremamente complicato e dispendioso.

Faq

Cosa prendere per il dolore ai denti?

È sempre bene rivolgersi al proprio dentista o medico curante prima di prendere qualsiasi tipo di medicinale.

Che antibiotico prendere per il mal di denti?

Dev’essere il tuo dentista a prescrivere un antibiotico in caso di bisogno.

Come mai mi fa male un dente?

Possono esserci diverse cause per il mal di denti. Chiama il tuo dentista e parlane con lui.

Perché quando mi sveglio mi fanno male i denti?

È possibile che tu soffra di bruxismo. Rivolgiti al tuo dentista di fiducia per approfondire i tuoi sintomi.

Quando bevo l’acqua fredda mi fanno male i denti

La sensibilità dentale al freddo o al caldo è un sintomo di una problematica o una patologia in atto. Chiama il tuo dentista di fiducia per una visita di controllo.

La visita di controllo periodica è
importante per la tua salute dentale


Per abilitare il tasto di Invio Messaggio è necessario prima accettare le condizioni d’uso.

    Studio Dentistico Zara
    Studio Dentistico Zara
    Studio Dentistico Zara è uno studio odontoiatrico a Sassari, con più di 30 anni di esperienza, specializzato in Implantologia, Ortodonzia invisibile, Odontoiatria pediatrica, Faccette dentali, Parodontologia, Protesi digitali, Sbiancamento professionale, Endodonzia.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Chiamaci